Login Area Riservata

Username *
Password *
Ricordami

  • Servizio di organizzazione e gestione aziendale professionale per imprese di viaggi e turismo

Chiamaci

+39 02 877 849

Tutti i giorni lavorativi

dalle 09:00 alle 19:00

Inviaci un'email

Compila modulo

Area Riservata

-> Demo e Tutorial

Newsletter n. 19

Stampa Email

28 SETTEMBRE 2017: LA PRIMA VOLTA DELLO SPESOMETRO LA PROSSIMA VOLTA AFFIDATI AD ©ADVMANAGER

Questa volta sembra definitiva: il prossimo 28 settembre è la data ora fissata per l’invio del primo spesometro 2017 introdotto dal D.L. 193/2016. E’ così stata accolta, ma solo parzialmente, la richiesta del presidente CNDCEC Massimo Miani che per ragioni tecniche di raccolta dei dati e adeguamento dei vari software aveva chiesto il rinvio al 31 ottobre. Il nuovo spesometro è provvisoriamente semestrale e poi dal 2018 sarà trimestrale. Ma attenzione: lo spesometro deve esporre in forma analitica e dettagliata gli stessi dati già utilizzati per la scadenza dello scorso 22 agosto, cioè i versamenti Iva relativi al 2° trimestre 2017 per i contribuenti trimestrali e relativi al luglio 2017 per i contribuenti mensili.

Già questa selva di adempimenti nuovi e incrociati costituisce di per se un problema, ma potrebbe essere un problema tecnico che riguarda sostanzialmente i professionisti incaricati. Anche se è pur vero che prima o poi il problema tornerà alle imprese come costo delle parcelle. E infatti il noto esperto Dr. Giulio Benedetti già avvertiva: “la nuova procedura sarà estremamente dispensiosa in particolare per le agenzie di viaggi”.

E ancora l’altro ieri 8 settembre, TTG Italia titolava “Spesometro, invii a rischio: gli errori da evitare”.e proseguiva dando conto appunto di una serie di punti critici da attenzionare nel confezionamento e nell’invio dei file all’Agenzia delle Entrate. Ma siamo sempre nel novero delle responsabilità dei commercialisti. Ci stanno pensando loro, insieme con le software house specializzate, ad affrontare il problema (anche se poi tutto questo ce lo faranno ahimé pagare).

Noi vediamo invece un altro problema ancora maggiore e che coinvolge in maniera più diretta l’agenzia di viaggi: la corretta raccolta delle primanota e la tempestiva rilevazione delle operazioni rilevanti ai fini Iva nella selva dei tipi pratica e delle differenti, e non sempre certe, normative. E qui è l’impresa che si deve organizzare, perché il contratto professionale recita che “io professionista mi faccio carico del corretto espletamento degli adempimenti sulla base dei dati da te impresa forniti”. E qui entra in gioco la soluzione “chiavi in mano” di ©ADVMANAGER.

Ne abbiamo già parlato nelle Newsletter n. 17 e 18 e ne riparlerà domani Nicola Savino, componente del nostro Comitato Scientifico, nella Newsletter settimanale ospitata da L’Agenzia di Viaggi: il “segreto” sta nel concetto di Digitalizzazione Totale che il nostro Sistema pienamente realizza, integrando in un’unica procedura la corretta rilevazione degli eventi aziendali, costantemente assistita dal nostro Staff specializzato, con le contabilizzazioni e gli adempimenti conseguenti. Fino alla firma sugli stessi dei nostri commercialisti specializzati, per garantire costi certi predefiniti ed evitare scaricabarili. E’ tuttavia perfettamente possibile che la stessa incombenza sia espletata dal professionistra dell’agenzia. In ogni caso e in ultima battuta ci siamo sempre noi.

 


Altro in questa categoria: Newsletter n. 18 »

Area Riservata

Seguici sui Social

F. Scotti & Partners

ADVManager

F. Scotti & Partners

 

 

a Business System by  F. Scotti & Partners  powered by TURISMO2000 * Scientific Committee chaired by Studio Motta Dottori Commercialisti
SINCE 1980 * MILANO BAVENO MODENA ROMA SALERNO  BARCELLONA P.G.  LUGANO
P. Iva 10145390968